Sono in arrivo i nuovi super giri del 2019: Tour della Val Maira in 4 gg, Catinaccio in 2 gg e altri ancora !

Marostica: marcia del Beato in MTB

17 Aprile 2011



Uscita per un giro a meta' tra l'esplorativio e meta' AM..
abbiamo cercato nuovi sentieri per salire a Pradipaldo da Marostica infiltrandoci tra i marciatori della Marci Del Beato.. abbiamo però desistito, salite con pendenze superiori al 25% su terreno ghiaioso smosso..
ma prima o poi lo rifacciamo, sto cercando una  mappa dei sentieri..

Abbiamo quindi ripiegato per fare due giri piu' conosciuti, zona Rosina, con discesa a palla sullo sterrato..
Nota negativa della giornata: il movimento centrale /guarnitura ha ricominciato a gracchiare di
brutto.. sostituzione il vista !
 All'appello: Dennis, FabioS,  Paolo, e nuova entry Stefano B

No tracce gps e foto

Grappa: sent. 105 + 97

10 Aprile 2011

Clicca sulla foto per ingrandire
Si comincia a fare sul serio! 
Prima uscita  impegnativa sul Grappa per questa stagione 2011.
Partenza da Sant' Eulalia, oramai divenuto il campo base piu' comodo per chi vuole scalare il Massiccio da uno dei suoi numerosi sentieri.
3 Km di leggera salita verso il centro di Crespano e  via di brutto con i 4 km di rampa al 20% in asfalto della Madonna del Covolo. 

Breve pausa rigenerante alla fontanella del santuario e poi sotto con i 9 km di salita ininterrotta sulla famosa mulattiera.
Arrivo all'Ardosetta, dove la neve ora relegata solo nelle zone in ombra, ha lasciato da poco spazio ad un tappeti di fiori di Crocus
bianchi e violetti.
L'idea sarebbe ora di raggiungere il sent. 100 e scendere sino loc. Campo Croce per prendere il sent.97 ma , vista l'ora tarda e la forte
probabilita' di doverlo fare con la bici in mano, scendiamo per asflalto sino a ll'imbocco del 97.
Il sentiero, a noi nuovo, si presenta tutto in single track immerso nel bosco, piuttosto ripido e a tratti sconnesso, richiede una buona dose di
adrenalina e di tecnica ma eventuali errori vengono perdonati in quanto non e' esposto e talmente fitto di alberi e arbusti che, come e'
successo un paio di volte, ci si ritrova aggrappati e mo' di koala prima di rovinare per terra.. vero Ale?
Oltre che ai voli acrobatici, c'e stato un susseguirsi di cadute di catena e soprattutto di forature... sarà anche  un caso ma quelli con
le gomme latticizzate (io e Gianpi) non hanno avuto alcun problema di sorta con pizzicature & spine...


Tutto sommato una bella discesa, molto piu' adrenalinica e meno spaccabraccia del  sent.95.. forse con un terreno meno secco e piu'
compatto a frenare ci si affaticava meno le nostre povere dita.. 

Sono sicuro che a rifarlo una seconda volta, ora che lo si conosce, si puo' osare e divertire molto di piu' !

In caduta libera: FabioO, FabioS, Gianpi, Ale, Lele.







Dati riepilogativi:
Km:           26 Km 
Vel. media/max: 8 Km/h - 62,2 km/h
Tempo: 3h 15min
Dislivello : 1270,5 mt 
Max altitudine: 728 mt
Meteo: +25 gradi, sole 
Difficoltà: medio-difficile
Note: da rifare ! 
Attenzione alle forature e pizzicature!




Traccia Gps e Mappa:




 Foto:
 
 
 
 
 
 

clicca qui sotto per vedere le altre foto sul WEB ALBUM:



PROSECCHISSIMA 2011: prova percorso

03 Aprile 2011
Clicca sulla foto per ingrandire
Sveglia prima dell'alba per essere a Miane alle ore 8. 
Oggi ho deciso, anche se da solo a provare il percorso della Prosecchissima 2011, per l'occasione oggi aperto al pubblico e tutto tabellato; ressa di bikers a parte e mancanza di ristori (ahime') sara' comunque come essere in gara.
Partenza ore 8.15 in solitaria ma con il contorno di diverse decine di biker, chi piu' e chi meno in forma.

Il divertimento pero' si trasforma subito in sofferenza: a nemmeno 1 km dal via si affronta il salitone piu' imponente della giornata: un dislivello di 400 metri su rampe di cemento con punte del 20%: una vera e propria spaccagambe !
Si scende poi velocemente alla statale, si percorrono qualche centinaio di metri e poi ancora su e giu' in un susseguirsi di rampe verticali e passaggi tra i filari di colline a vigneto e boschi.
La giornata e' magnifica: sole splendido, 23 gradi, una marea di biker sul percorso ottimamente segnalato (addirittura i cartelli prima dei salitoni con indicato lunghezza,  dislivello, altezze).. l'unica cosa che manca sono l'acqua e le gambe per pedalare...
Per la prima, dopo esser rimasto a secco, pongo rimendio  in un casolare con rubinetto bello in vista, per le seconde al cartellodei -20 Km all'arrivo ho dovuto diminuire drasticamente il numero di giri, mettere il primino in salita e fare frequenti pause per evitare possibili crampi..

Il percorso e' bellissimo: il fondo e' molto asciutto, a tratti addirittura polveroso. Le salite micidiali lasciano però spazio a discese in single track tra i boschi veramente veloci e belle, anche se a tratti impegnative e con rapide inversioni di direzione.  
Ottimo anche il panorama, forse ancor piu' spettacolare con il verde le viti ora in fase di germogliazione o con i colori del''autunno. Peccato alcuni tratti siano in proprieta' privata e quindi non percorribili al di fuori di queste occasioni.


Riassumento: e' la mia seconda presenza su circuiti di gara, questo e' molto piu' impegnativo della Costabike, ma pure piu emozionante, direi un percorso MEDIO-DIFFICILE anche in ragione dei 1480 metri complessivi di dislivello affrontati a inizio stagione.
Peccato a chi se l'è persa !


In fuga solitaria: FabioS






Dati riepilogativi:
Km:           42 Km 
Vel. media/max: 11,2 Km/h - 44,1 km/h
Tempo: 3h 45min
Dislivello : 1480 mt complessivi
Max altitudine: 728 mt
Meteo: +23 gradi, sole 
Difficoltà: medio-difficile
Note: da fare con piu' allenamento sulle gambe!


Traccia Gps e Mappa:







 Foto:
 
 
 
 
 
 
 

Asolo by FabioO

03 Aprile 2011

Clicca sulla foto per ingrandire
Partenza da casa alle 7:15 e trasferimento su asfalto fino ad Asolo (10 km di riscaldamento visto la temperatura intorno ai 6°-7°)

Arrivo ad Asolo con calma e comincia la salita lungo via Forestuzzo (strada ospedale), salito fino al semaforo del foresto nuovo prima girando su via biordo vecchio e poi tramite sentiero 34 che si può fare tutto in sella a parte qualche punto dove si trovano dei gradini in cemento.

Dal semaforo Sali scendi su asfalto che porta al bar al bersagliere e poco più su si prende il sentiero 39a carino in mezzo al bosco.

Arrivati al sentiero 51a parte molto bella e tecnica in mezzo al bosco mi delude con un ripidone pazzesco che a malincuore mi fa scendere e spingere la bici ( peccato aver fatto questa sentiero in salita).

Proseguo e salgo lungo il sentiero 52 che incontra il principale delle 2 Rocche, anche qua bei tratti in mezzo al bosco a volte tecnici a volte scorrevoli ed altra nota stonata ultimi 200 mt di salita da fare a piedi e spuntiamo sul sentiero numero 1 sotto al casolare vicino a San Giorgio. (2 sentieri da fare assolutamente in discesa (foto 307-308-312-313).

Tappa a San Giorgio con discesa dal lato sud ripidissima e sbaglio sentiero scendo per il 55 invece che per il 54 e in 1 minuto mi ritrovo su strada cementata che veloce porta a Coste.

Non  volevo scendere su asfalto e quindi ho preso una laterale che su sentiero stretto e molto tecnico mi riporta sul 53 (questa parte non mi è piaciuta) che prendo verso sud in discesa che mi riporta su asfalto.

Da qui vedo sulla cartina che sono vicinissimo al punto dove avevo preso il 52 prima e quindi discesa bellissima sul 51a fino a trovare di nuovo l’asfalto che porta a Crespignaga.

Decido di fare l’ultimo sentiero che porta al foresto Nuovo ma nota stonata della giornata foro e grazie alla bomboletta di aria compressa faccio gli ultimi 10 km a tutta.

Arrivato a casa ultimi 500mt a piedi con la ruota ormai a terra.

Presente solo FabioO







Dati riepilogativi:
Km:           39 Km 
Vel. media/max: 15 Km/h - 39 km/h
Tempo: 2h 36min + soste
Dislivello : 300  mt circa
Max altitudine: 488 mt
Meteo: +23 gradi, sole 
Difficoltà: facile
Note: provati nuovi sentieri!


Traccia Gps e Mappa:

Asolo by FabioO at EveryTrail
EveryTrail - Find trail maps for California and beyond


  











Foto: